Si puderebbe dì chì, tempi è tempi fà, l'omi sò venuti qui è anu piantatu picculi arburi, chì facenu dui metri d'altura, eh!, des fragiles [?], cum'è si dice in francese, è si occupavanu, l'annacquavanu, l'insitavanu , ci mettianu spezie di ringhere ... di barriere per impedì l'animali di manghjalli; è u tempu passava, l'omi murianu rimpiazzati per d'astri, per d'astri torna, è c'eranu troppu periculi, troppi capatoghji per pensà, per guardà l'arburi, è l'arburi, eh beh, ingrandianu dinò elli è fù un tempu chì l'arburi sò diventati giganti è ... hè à stu mumentu quì ch'elli prutigianu l'omi - e cose sò state inversate, eh - è li prutigianu in tutte e manere.

È i primi tempi custruianu, l'omi, case chì ùn eranu tantu solide è l'arburi li permettia di fà e tramezane, di fà i sulaghji, di fà e persiane, di fà i mobili, di fà parechje cose cù u so legnu; permettia di brusgià, eh, di scaldassi... davanu i so frutti chì si cuglianu cù strumenti di castagnu; ssi frutti, e castagne, eranu messe nant'à i grataghji, nant'à a grate, è eranu siccate cù legnu, micca cù legnu di leccia o di piopu ma di castagnu, perchè facia u fume, per siccalle.

Si manghjavanu e castagne, si manghjava a farina tirata di e castagne è si facia parechji alimenti, eh; si dava à manghjà à l'animali, à i porci, chì ci era tandu una sciarcuteria chì ghjera più savurita chè l'astre per via di e cose ch'elli manghjavanu, i frutti ch'elli manghjavanu, è dunque tuttu era in giru à u castagnu, eh, è si pò dunque parlà - è mi scordu ancu di parechje cose - ma si pudia parlà di una civilizazione di u castagnu.